Manifestazione Campidoglio 31-7-2019 Centro Carni - Coordinamento Popolare

Vai ai contenuti
Manifestazione al Campidoglio 31 luglio 2019
Lavoratori e Coordinamento Popolare

Manifestazione del Centro Carni riporta all’Ordine del Giorno del Consiglio Comunale il futuro della struttura. Cartelli e slogan dei lavoratori per chiedere al Campidoglio decisioni certe, che portino allo sviluppo e non alla chiusura.

Il 31 luglio gli operatori commerciali e i lavoratori del Centro Carni, insieme ai cittadini del Coordinamento Popolare contro la speculazione sul Centro Carni hanno manifestato in Campidoglio per chiedere un impegno chiaro del comune sul futuro di una struttura che rappresenta un importante presidio per la salute e l’economia romana.

È proprio di questi giorni la notizia su sequestri di carne di dubbia provenienza e quindi cancellare il mattatoio Comunale e regalare interamente ai privati il settore della macellazione significa aumentare i rischi per la salute e il costo della carne a Roma, oggi calmierato dal ruolo del Centro Carni Comunale. Lo smantellamento metterebbe poi in discussione oltre 1000 posti di lavoro, mentre il progetto di sviluppo presentato dagli operatori porterebbe all’assunzione di oltre 600 nuovi dipendenti.

Durante la manifestazione su piazza del Campidoglio, una delegazione ha incontrato in Consiglio Comunale i capigruppo di opposizione Pelonzi (PD), di Priamo (FDI), Fassina (SI) e Bordoni (FI), i consiglieri 5 Stelle Coia e Guadagno e l’Assessore al Commercio Cafarotti.

I lavoratori hanno denunciato come il continuo cambio di direttori (16 negli ultimi 10 anni) sta creando disservizi per il regolare funzionamento della struttura ed ha bloccato il bando per l’assegnazione di circa 15.000 mq richiesti dagli operatori commerciali, che potrebbero portare oltre un milione di euro di affitto nelle casse comunali. Hanno anche ricordato come tutte quelle mozioni e delibere presentate che chiedono lo sviluppo del Centro Carni sono ferme da un anno ed è necessario portarle in un Consiglio Comunale straordinario. Hanno infine invitato l’Assessore Cafarotti in carica da un anno, a visitare insieme all’Assessore al bilancio Lemmetti il Centro Carni per rendersi conto delle potenzialità di una struttura considerata tra le migliori in Europa.
Sollecitato dagli interventi dei capigruppo presenti che hanno sostenuto le ragioni dei lavoratori e tenendo conto che l’Assemblea capitolina termina i suoi lavori il 2 agosto, il consigliere Coia, Presidente della commissione Commercio, ha convocato una commissione dedicata al Centro Carni per l’11 settembre alle ore 14:30 con la presenza dell’Assessore e di tutti gli uffici interessati, mentre l’Assessore Cafarotti si è impegnato a visitare la struttura la mattina del 2 settembre per un confronto sul posto con operatori e maestranze.

La delegazione dei manifestanti ha accolto positivamente questi appuntamenti, da cui devono comunque scaturire decisioni definitive sull’utilizzo degli spazi abbandonati e richiesti dagli operatori e sullo sviluppo del Centro Carni Comunale, superando quegli atti che ne minacciano la chiusura e puntano ad una speculazione immobiliare sull’area.

Sergio Scalia (Abitare A Roma)

Torna ai contenuti