Comunicato-coordinamento-popolare-17-giugno-2015 - Coordinamento Popolare

Coordinamento Popolare
Vai ai contenuti
Articoli
Uniti si Vince!

UNITI PER LA DIFESA DEL TERRITORIO, UNITI PER LA DIFESA DEI BENI COMUNI
PERCHE’ SOLO UNITI SI VINCE!

Ai Cittadini del Municipio Roma V e dei Municipi di Roma Est

La mobilitazione popolare contro la minaccia di smantellamento del Centro Carni ha realizzato una prima ed importante vittoria.
Il Comune di Roma ha affittato finalmente l’area e la struttura al suo interno agli operatori del settore che, avendo avuto fiducia negli esiti dell’ iniziativa popolare, già avevano dato inizio ad un processo di riqualificazione dei luoghi.

Una delle più grandi operazioni speculatrici finanziarie e immobiliari su Roma, che avrebbe dovuto assicurare ingenti profitti per i soliti noti è stata bloccata.

Fin dal primo momento in cui i settori più coscienti del territorio si sono attivati, la sfida che ci siamo trovati davanti sembrava a tutti TITANICA.

Gli interessi prepotenti e fino a quel momento predominanti, della lobby politica affaristica controllata dallo sfacciato connubio tra i settori della finanza e quelli dell’immobiliare, sono stati coraggiosamente fronteggiati tra non poche contraddizioni.

Associazioni, Comitati, Cooperative, Movimenti politico-sociali, ma anche consistenti settori di base dei Partiti dell’attuale maggioranza, che con grande coraggio e determinazione si sono dovuti scontrare con le “direttive calate dall’alto”, riuniti nel Coordinamento Popolare contro la speculazione sul Centro Carni hanno saputo a loro volta unire ed organizzare le loro forze con quelle dell’Unione degli operatori e delle maestranze del Centro Carni, conquistando TUTTI INSIEME il primo e più importante obiettivo, quello del mantenimento e del rafforzamento delle strutture di lavorazione e di vendita delle carni in viale Palmiro Togliatti, impedendo il trasferimento fuori dal nostro Comune verso il C.A.R. di Guidonia, come la Giunta Alemanno, ed in seguito, in modo particolare con gli Assessori al Commercio, all’Urbanistica e all’Ambiente della Giunta Marino avevano preconizzato.

A seguito della Proposta di Delibera di Iniziativa Popolare con la quale i cittadini , gli operatori e le maestranze organizzati avevano raccolto 8.400 firme, si realizzava un netto spartiacque tra la volontà popolare e coloro che avevano tentato di realizzare un’operazione speculativa finanziario-immobililiare di circa 1 Miliardo di € che avrebbe alimentato gli appetiti delle soliti lobby rafforzandone la capacità di corruzione e di stravolgimento a fini elettoralistici-imprenditoriali dei nostri territori, come esemplarmente il dossier mafia-capitale sta dimostrando!

La valorizzazione del nostro territorio, come i cittadini responsabili e coscienti la intendono, a seguito di questa importante e esemplare vittoria oggi può contare con il raggiungimento dei risultati seguenti:

• la difesa dei posti di lavoro per gli operatori, le maestranze e tutti coloro che sono legati all’indotto di questo settore, soprattutto in un momento di crisi economica e sociale come quello che stiamo soffrendo;
• il mantenimento del controllo pubblico, con il presidio dei luoghi da parte di Roma Capitale e della Regione Lazio attraverso le meticolose analisi quotidiane dei professionisti dell’ambito veterinario della ASL a garanzia della sicurezza su un alimento così importante quale è la carne;
• il decongestionamento urbanistico e logistico di un territorio sul quale gli speculatori della finanza e dell’immobiliare avevano previsto una valanga di varie centinaia di migliaia di metri cubi di cemento;
• il non intaccamento della ancora presente ed importante falda acquifera sottostante a garanzia dell’equilibrio idrogeologico dell’intera Roma Est;
• il non impoverimento delle risorse pubbliche che, altrimenti, si sarebbero dovute far carico dello spostamento del Centro Carni a Guidonia affidando la struttura, solo quella commerciale, ai soliti compari di speculazioni.

Per fare il punto su questa importante vittoria della mobilitazione popolare il Coordinamento Popolare contro la Speculazione sul Centro Carni ha deciso di incontrare i cittadini alle ore 21 in occasione di un’attività artistica, culturale e informativa presso il Centro d’Iniziativa Popolare - Alessandrino, in via delle ciliegie, 42 per illustrare più dettagliatamente i passaggi salienti di questa significativa esperienza di lotta, partecipazione e mobilitazione sociale in difesa dei beni comuni e del territorio da ogni tipo di speculazione.

Sabato 20 giugno 2015 dalle ore 20

al Centro d’Iniziativa Popolare – Alessandrino, via delle ciliegie, 42

Serata di convivialità ed informazione con
musica romana e cena a sottoscrizione

COORDINAMENTO POPOLARE
CONTRO LA SPECULAZIONE SUL CENTRO CARNI

Torna ai contenuti